blog

Marcos Yánez - #Run for leucemia

29/06/2018 - ,

Bandeau_Principal_Marcos_Yanez

Marco Yanez, atleta ultra-trail, è molto coinvolto nelle corse solidali, in modo particolare quelle a favore della lotta contro il cancro 

Nel 2016, percorre 120 km, 

a beneficio della leucemia, nel Parco Nazionale Landmannalaugar

situato nel sud dell’Islanda.

Questa è una causa che gli sta particolarmente

a cuore dato che suo padre muore, nel 2014,  

a seguito di questa malattia. Il documentario « No solo 18 horas”,

diretto da Pedro Cubiles, traccia il percorso solitario

in questo paese freddo e inospitale.


Marcos Yánez in Islanda a favore della leucemia

Quest’anno, Marco Yanez, torna con una nuova sfida : quella di correre 300 km  in solitario in Alaska a beneficio, questa volta, della donazione del midollo osseo.

Sfida portata a termine in soli 5 GIORNI !

Il percorso, suddiviso in 5 tappe dettagliate qui di seguito, è partito dal Lago “Eklutna Lake” per arrivare al mitico ed ispiratore “Magic Bus”  del film “Into the Wild”. L’avere scelto, quale meta,  il Magic Bus di Into The Wild non è stato un caso. Questo luogo, divenuto un vero e proprio centro di pellegrinaggio, ha ispirato ed incoraggiato migliaia di persone a credere nei loro sogni e a realizzarli. Ai piedi del Bus142, Marco Yanez, 26 anni dopo Christopher McCandless (protagonista di Into The Wild), ha voluto esprimere il suo impegno a favore della donazione del midollo osseo.

Marcos_Yanez_devant_le_magic_bus
Marcos Yánez davanti al "Magic Bus" del film "Into the Wild"

TAPPA n° 1 – 7 giugno 2018 da « Eklutna Lake » a « Wolf Lake » (58 km) :

Il percorso di Marcos Yanez parte con l’ascesa del Bold Peak, ad un’ altezza di 1100 metri, con un freddo glaciale e le sole mosche quali sue compagne di viaggio.

Ma niente può scoraggiare Marcos,

nemmeno la scalata del Bold Peak che risulta

ben più difficoltosa di quanto avesse previsto.

La strada,  inizialmente programmata per scendere

dalla vetta, è impraticabile a causa delle abbondanti

nevicate dell’inverno e Marco è pertanto costretto

a ritornare sui propri passi verso il Twin Peak

e cerare una altro percorso per poter raggiungere il « Wolf Lake ». 

Marcos_lors_de_sa_première_journée
Marcos nel suo primo giorno
citation_1
Ekluta Lake
Marcos ai margini del lago Eklutna

TAPPA n° 2 – 8 giugno 2018 da « Hatcher Pass Lodge » a « Willow Camping Area » (53 km) :

Anche la seconda tappa è segnata

da un cambiamento di programma.

La somma del Hatcher Pass è completamente

ricoperta di neve e, pertanto, il percorso iniziale tra

Hatcher Pass Lodge e Willow Camping Area,

viene sostituito da un percorso che,  partendo dalla Lazy Mountain

e passando attraverso Palmenr (16 Km) e Wolf Lake (34 Km),

permetterà di raggiungere  il Hatcher Pass Lodge

Face_à_Lazy_Mountain

Di fronte a Lazy Mountain

Dopo aver scalato la Lazy Mountain in un freddo glaciale, il percorso in Alaska gli regala una lunga corsa su una strada soleggiata. La crema solare  è d’obbligo anche per proteggerlo da cambiamenti climatici di oltre 20 gradi tra un luogo e l’altro. Il suo arrivo a Harcher Pass Lodge, dove le case sono ricoperte da un manto nevoso, è in totale contrasto con il sole che lo ha accompagnato nella corsa durante il pomeriggio.

Marcos Yánez concentré sur son objectif
Marcos Yánez si è concentrato sul suo obiettivo

TAPPA n° 3 – 9 giugno 2018 da « Trapper Creek » a « Petersville » (60 km) :

Du soutien qui fait chaud au cœur de Marcos

Durante questa terza giornata,

Marcos riceve tanto sostegno da molteplici

persone solidali nel suo progetto per la causa

della donazione del midollo osseo.

Supporto, un fattore importante per il successo di questa sfida

Con un tempo soleggiato a suo favore,

Marcos Yanez gode di una migliore

condizione fisica rispetto ai giorni precedenti.

« Il corpo si adatta al clima e allo sforzo » racconta.

Marcos dans la forêt entre Trapper Creek et Petersville
Marcos nella foresta tra Trapper Creek e Petersville

A 15 km dalla città di Petersville, le persone che in auto sostengono Marcos rimangono bloccate da una strada sterrata in pessime condizioni. Marcos Yanez e il suo team devono pertanto terminare la tappa da soli.

TAPPA n°4  – 10 giugno 2018 da « Triple Lake» , passando da “Denali” a « Healy » (46 km) :

Quarta tappa speciale. Il percorso inizia in uno dei mitici parchi nazionali statunitensi, il Denali. Ma è soprattutto l’ospite d’onore di questa tappa che la rende particolare. Christy Youngblood accompagna Marcos durante un tratto di corsa  ed è la prima volta che affronta la montagna da quanto è riuscito a sconfiggere la sua malattia un anno e mezzo fa.

La fatigue commence à ce faire ressentir chez Marcos
La stanchezza comincia a farsi sentire da Marcos.

La fatica inizia a farsi sentire e la preparazione di Marco è essenziale  quando ci si appresta a correre 300 km in soli 5 giorni.

Nell’equipaggiamento di Marco non mancano:

.           scarpe specifiche per il trail

.           prodotti a compressione (BV Sport) per ridurre l’affaticamento muscolare

.           Tee-shirt termica (BV Sport)

.           Impermeabile

.           Guanti e cappello (BV Sport)

TAPPA n° 5 – 11 giugno 2018 da « Healy » al tanto atteso « Magic Bus » (45 km) :

Questa ultima tappa, segnata dall’arrivo al Magic Bus, ha  un sapore particolare per Marco Yanez.

Un moment fort lors de l'arrivée de Marcos
Il primo incontro tra Sandra Hinton (donatore) e Jonathan Leon (ricevitore)

E’ durante questa ultima quinta tappa che Sandra Hinton, donatrice di midollo osseo, e Jonathan Leon, 26 anni, ricevitore di questo dono, si incontrano per la prima volta : un momento ricco di emozioni.

citation_2

OBIETTIVI :

Attraverso questo percorso e le hashtag #RunForLeucenia, Marcos ha voluto trasmettere un messaggio forte e chiaro : unire sport e solidarietà per sensibilizzare la donazione del midollo osseo.

citation_3

Marcos intende mettere in evidenza una malattia, talvolta poco nota, narrandola attraverso le storie personali di chi ne è stato colpito. E’ importante raccontare i percorsi dei malati di leucemia e riconoscerne gli aspetti dolorosi.

Il suo obiettivo è quello di aumentare la consapevolezza dell’importanza di donare il proprio midollo, oggi unica cura per la leucemia che colpisce ogni anno oltre 50.000 persone nel mondo. I donatori hanno un ruolo importante perché entrano a far parte del processo di guarigione.

Tuttavia, la probabilità di trovare un donatore compatibile per un paziente affetto da leucemia è inferiore a quella di altre malattie, quindi l'unico modo per aumentare le possibilità di sopravvivenza di queste persone è aumentare il numero di potenziali donatori.

BV Sport è orgogliosa di essere partner di questa corsa e questa grande iniziativa.

BVSPORT_partenaire_de_l'aventure_en_Alaska
BV SPORT partner dell'avventura #Runforleucemia in Alaska

In attesa nel 2019, dell'uscita  al cinema del documentario che ripercorrerà il suo percorso in Alaska, questa storia  potrà essere vista  sulla  pagina: http://runforleucemia.com/noticias.php

Il fine è quello di convincere 3000 persone in tutto il mondo a diventare donatori di midollo osseo. Se il progetto ti interessa, trovi tutte le informazioni su http://runforleucemia.com/index.php (inglese) / https://www.dondemoelleosseuse.fr (francese)

Trova il percorso e le corse di Marco Yanez nel suo blog : http://corroluegoescribo.com/#quiensoy

Cronista del viaggio  : Magec Montesdeoca
Foto : Marcos Cabrera (@Marcoscabrerafotografo)

Seguici